Gratis la Guida ai PIR, Piani Individuali di Risparmio

Gratis la Guida ai PIR, Piani Individuali di Risparmio

I PIR sono un ottimo strumento finanziario per chi desideri mettere da parte anche solo una piccola somma con buoni rendimenti:  prevedono infatti agevolazioni fiscali sotto forma di detassazione delle plusvalenze, ovvero dei guadagni, per chi decide di investire in un PIR per almeno 5 anni.

In ogni caso, sarebbe opportuno affidarsi a un consulente finanziario. Un esperto che può darci un quadro generale della nostra situazione patrimoniale e consigliarci al meglio su come investire, dai piani d’accumulo ai fondi pensione o, per l’appunto ai PIR.

 

Abbiamo rivolto dunque alcune domande al Dottor Davide Prontera, che presso Azimut Holding segue i clienti che intendono investire al meglio il proprio capitale.

Quando un cliente vuole attivare un PIR, la prima cosa di cui accertarsi è se il cliente è già intestatario di una posizione, poiché non se ne possono aprire 2 diverse sullo stesso codice fiscale godendo per entrambe della esenzione fiscale. Verificato questo dato va spiegato come il PIR possa essere un valore aggiunto da dare ai propri risparmi con un orizzonte temporale medio/Lungo ma soprattutto in totale esenzione fiscale.
Come viene seguito il cliente nel proprio investimento finanziario?
Il cliente è seguito periodicamente con email, telefonate informative e visite per valutare insieme la situazione del suo investimento. Avere un consulente finanziario a disposizione significa infatti godere della massima disponibilità a qualsiasi domanda e bisogno da risolvere. Un consulente finanziario è oggi una figura sempre più tutelata e tutelante, soprattutto grazie al fatto che è sempre aggiornato attraverso corsi professionali, che gli consentono di essere in grado di consigliare il cliente al meglio in mezzo alla giungla dei prodotti finanziari, condividendo insieme un percorso di crescita.

RICHIEDI QUI LA GUIDA GRATUITA AI PIR  INVIANDO UNA EMAIL A davide.prontera@azimut.it 

 

Chi può investire nei PIR? 
I PIR sono destinati solo alle persone fisiche per gli investimenti effettuati fuori dall’esercizio di impresa. Non è possibile stipulare PIR per le imprese o PIR per le aziende. Per sottoscrivere un PIR, la finanziaria 2017 identifica come sottoscrittore chi possiede il codice fiscale, quindi sia i maggiorenni ma anche i minorenni possono sottoscrivere il PIR.
Quali sono i limiti di investimento per l’investitore? 
Ogni singolo PIR dev’essere mantenuto almeno 5 anni (per godere dei benefici fiscali) e non può superare i 30 mila euro di investimento annui. Un singolo investitore non può superare i 150 mila euro di investimento nei 5 anni In cambio l’investitore otterrà un abbattimento di tutto il carico fiscale: in altri termini non pagherà tasse su capital gain (plusvalenze maturate) e successione .
 
È necessario attendere 5 anni prima che si ottengano benefici fiscali? L’esenzione dal pagamento delle imposte sulle plusvalenze maturate è subordinato alla detenzione del piano individuale di risparmio per un periodo di 5 anni.
La fase di sottoscrizione deve durare necessariamente 5 anni? 
No, il titolare del piano può in alcuni anni anche non conferire alcuna risorsa, ovvero conferire somme per un valore inferiore al 30.000 euro. 5 Ci sono alternative ai PIR? Vantaggi? Svantaggi? Il PIR concepito come forma di risparmio con forti vantaggi fiscali è uno strumento unico introdotto per la prima volta dalla nel 2017. Nel resto d’Europa è prassi comune l’uso di strumenti di risparmio collegati all’economia reale e alle aziende sottostanti. I Vantaggi sono quelli di poter partecipare alo sviluppo del tessuto imprenditoriale e nel farlo godere di una completa esenzione fiscale sulle plusvalenze trascorsi 5 anni. Svantaggi sono quelli di un prodotto a forte base azionaria e dunque da modulare nelle quantità in base alla propensione al rischio del cliente e alla sua struttura patrimoniale. Ma diciamo che ogni persona italiana con liquidità e capacità di risparmio dovrebbe avere questo tipo di strumento nel proprio portafoglio.

DOMANDE?

INVIATE LE VOSTRE A DAVIDE PRONTERA
Email davide.prontera@azimut.it
o collegandovi alla pagina dei contatti.

 

NOVITÀ 

Share